Oro, abbiamo un problema.

La quotazione dell’oro sta crollando e la causa è l’annuncio, da parte di Janet Yellen, della fine dell’alleggerimento quantitativo (QE).

Vista la situazione congiunturale in miglioramento, la FED ha deciso di fermarsi, ora tocca ai mercati cavarsela da soli.

Si tratta del terzo QE nel giro di pochi anni e questo mi fa ben sperare, nel senso che sono due volte che provano ad interrompere la stampante monetaria e due volte sono costretti a riprenderla, visto che i mercati e la finanza sono crollati nel giro di poche settimane.

In più non dimentichiamoci del referendum Svizzero. Se vinceranno i SI le quotazioni dell’oro dovrebbero riprendere a salire. Se andasse in malora anche il mercato, e lo sapremo in poche settimane, potremmo avere una doppia spinta all’oro, visto che la Yellen sarà costretta ad annunciare il QE n.4, con la dimostrazione che ormai il mondo finanziario (e non solo) non può più fare a meno della droga monetaria.

In ogni caso i conti si faranno alla fine, non esistono pasti gratis. Questa montagna di $ qualcuno la pagherà, prima o poi.

Se avete fegato sarebbe davvero il momento di comprare oro. Sta calando ma potrebbe schizzare nel giro di un mese o poco più.

Se invece i mercati reggeranno l’urto e vincessero i NO potrebbe davvero finire questa magnifica goldrush, che ci ha accompagnato per tanti anni.

Tra poco sapremo, e ne riparleremo.

Precedente Referendum: tu vali. Successivo No? Mi sa di si.

Lascia un commento

*