Oban: tanta roba.

Oban

Oban, altra bella cittadina delle Highlands, altro ottimo whisky.

 

oban

Non si può certo dire che la Oban manchi di esperienza, visto che parliamo della più antica distilleria classic malt dell’intera Scozia, fu infatti fondata nel 1794 dalla famiglia Stevenson. All’epoca Oban era un piccolo villaggio di pescatori ma come spesso accade la città le venne costruita intorno, essendone diventata il fulcro. Oban fu comunque un porto importante non solo per smistare whisky ma anche per l’emigrazione degli scozzesi verso gli Stati Uniti.

Oban in gaelico significa “piccola baia con grotte” e in effetti durante una ristrutturazione, intorno al 1900, fu scoperta una grotta proprio dietro la distilleria, con dentro ossa e manufatti del mesolitico.

Oban

Lo spazio ristretto (l’edificio è rimasto quello originale) avrebbe potuto essere un problema, ma sono proprio i piccoli alambicchi a dare una forte personalità al distillato.

Le botti sono le nostre care vecchie quercia americana ex bourbon mentre l’acqua proviene dal Loch Gleann a’Bhearraidh. Qualche anno fa è stato riprogettato e ricostruito il centro visitatori che permette di degustare le varie produzioni, di fare una visita guidata e visionare un film su città e distilleria.

Oban è situata a sud ovest delle Highlands ed è considerato il trait d’union tra i whisky dello speyside e quelli delle isole, vantando le caratteristiche migliori di entrambi.

Mi trovo d’accordo con gli esperti, la mia bottiglia di  Oban è stata infatti la prima a finire nella raccolta differenziata.

Oban

L’invecchiamento della versione in esame è di ben 14 anni (la più venduta) mentre la gradazione è del 43%.

Come ho detto poco sopra, si tratta di un ottimo whisky, equilibrato, senza sapori sovrastanti; ha un corpo medio, è dolce e maltato ma anche speziato e agrumato. La torba, con cui ho un rapporto difficile, c’è ma la si sente sopratutto nel finale, quando il dolce le lascia spazio.

Il prezzo è abbordabile, si trova senza problemi intorno ai 40 euro.

 

 

Lascia un commento

*