Crea sito

Avanti tutta.

Sono stupito, davvero.

Renzi veniva presentato come il rottamatore, il giovane politico con idee innovative, colui che avrebbe risolto i problemi (vabbé, quello tutti).

Evidentemente vale solo in ambito politico. In quel limbo sono talmente indietro, preistorici, che eleggere un uomo di 39 anni apparentemente sveglio può sembrare rivoluzionario.

E noi ci ritroviamo col solito politico che promette e non mantiene. Una riforma al mese per poi farne forse qualcuna in 1000 giorni (“mille giorni” fa meno impressione di “tre anni”. In questo si che è furbo, infatti è politca).

La genialata sono stati gli 80 euro in busta paga, che gli sono valsi un mucchio di voti, per poi fallire miseramente nella realtà. Avrebbero dovuto rilanciare i consumi, ma la politica vive in un mondo tutto suo, come ho già detto mille volte. La realtà è tutta diversa, peccato non possano mai provarla.

Adesso sta escogitandone una nuova, ben più distruttiva: obbligare le aziende a spalmare il TFR (la liquidazione) in busta paga.

Ormai sanno anche i sassi che uno dei problemi più gravi per gli imprenditori è la liquidità.  Nessuno presta più nulla, e Renzi vorrebbe drenare liquidità dove non ne esiste più.

Per rilanciare i consumi. Così poi tutto andrà bene.

Aspettiamoci un 2015 con nuovi record di fallimenti, di imprenditori suicidi. Quando i gonzi che continuano a pagare per gli altri saranno troppo pochi, allora si che ci divertiremo. La Rivolta di Atlante. Ottimo libro, ve lo consiglio, se lo trovate. Qui si sono rivoltati in pochi, è più una epidemia che lascia solo morte e distruzione.

Ho visto un servizio delle Iene dove una fresca pensionata statale viene assunta in un sindacato per un anno. Non vi ha lavorato nemmeno un giorno, ha preso 2000 euro di stipendio mensile e ora avrà una pensione integrativa di circa 1500 euro a vita.

Alla fine sono contento di avere un presidente del consiglio che non capisce niente di economia, perché così acceleriamo il processo. Questo Paese non ha speranze, è condannato, e probabilmente solo un default o qualcosa del genere potrà aiutarlo a ripartire.

Forza Matteo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.